Visite Mediche Specialistiche

Oltre 60 le visite mediche specializzate che permettono un intervento mirato alle patologie o alle problematiche riscontrate dai pazienti. Valore aggiunto del centro è la garanzia di un’offerta completa, in un’unica struttura moderna e funzionale, che assicura competenza e attenzione per ogni singolo esame. Al centro del lavoro dei qualificati ed esperti specialisti la prevenzione in tutte le maggiori branche della medicina, che assicurano all’utente una tutela attenta e preventiva.

Allergologia

Polisonnografia è il termine comunemente usato per indicare una registrazione simultanea di più parametri fisiologici durante la notte, mediante un polisonnigrafo. Normalmente nel corso del test vengono registrati due o più canali EEG, vari canali elettromiografici, i movimenti di torace e addome, il flusso oronasale, la saturazione di ossigeno nel sangue.

Il prick test è lo strumento essenziale per la diagnosi delle reazioni da ipersensibilità immediate, ovvero delle allergie.

Il prick test viene effettuato posizionando una goccia di un estratto allergenico (di tipo alimentare o inalante: polline, derivato degli acari della polvere o degli animali domestici, ecc.) sulla cute a del paziente. La cute della zona scelta per l’esecuzione del test è abitualmente la faccia volare degli avambracci: e più precisamente 5 cm al di sopra del polso e 3 cm al di sotto dalla fossa antecubitale.

La visita allergologica serve per valutare la possibile natura allergica dei sintomi, per impostare gli accertamenti allergologici utili per la diagnosi e per consigliare la terapia.

Andrologia

La visita andrologica è un esame eseguito dall’andrologo per verificare l’esistenza di eventuali patologie all’organo sessuale maschile.

Angiologia

Attraverso lo studio delle vene del sistema profondo degli arti inferiori, si pone come diagnosi di trombosi venosa profonda (tvp) e consente il controllo dell’evoluzione nel tempo. Attraverso lo studio delle vene del sistema superficiale, si valutano inoltre la malattia varicosa e le sue complicanze. È l’esame fondamentale nella valutazione dell’anatomia della malattia varicosa, allo scopo di preparare alla chirurgia endovascolare (EVLA), tradizionale (flebectomio o scleroterapia) o al trattamento medico elastocompressivo.

In entrambe le forme ischemiche stabilizzata ed intermittente, l’ EcocolorDoppler Arterioso degli Arti Superiori permette di valutare decorso dei vasi, diametro, parete vascolare, flusso arterioso e rapporto del vaso con le strutture vicine. L’ EcocolorDoppler permette di fare diagnosi e di impostare la terapia appropriata e/o di richiedere approfondimenti diagnostici.

L’eco-color Doppler permette lo studio sia della morfologia (anatomia) che dei flussi (emodinamica) delle arterie. E’ perciò possibile studiare alcune caratteristiche morfologiche quali il diametro e lo spessore della parete oltre alle caratteristiche del flusso , quali la velocità e la direzione. Il Color permette di ricostruire in tempo reale, sull’immagine anatomica ottenuta con il bidimensionale, le mappe dei flussi guidando poi i rilievi del Doppler spettrale

Permette lo studio sia della morfologia che dei flussi delle arterie renali. E’ perciò possibile studiare alcuni parametri quali il diametro, lo spessore della parete oltre alle caratteristiche morfologiche ed alle velocità. Consente inoltre di studiare eventuali stenosi delle arterie renali e di valutare la flussimetria renale.

 

Preparazione all’esame

 

Evitare per 3 o 4 giorni prima dell’esame legumi e verdureAssumere una compressa di carbone attivo 4 giorni prima dell’esameAssumere succo di mirtillo per 3 o 4 giorni prima dell’esameDigiunare 6 ore prima dell’esame

Per visita specialistica angiologica o vascolare si intende lo studio da parte del medico specialista dei due settori della circolazione: arterioso e venoso. Lo scopo della visita è quello di curare una patologia già evidente ma anche quello di prevenire potenziali complicazioni, anche fatali, di una malattia vascolare non ancora evidente.

Cardiologica

L’Ecocardiografia o Ecocardiogramma in cardiologia comprende un gruppo di tecniche non invasive che si basano sull’emissione di ultrasuoni nell’intervallo di frequenza fra 2 e massimo 10 MHz.
Consiste nel tracciare l’attività elettrica del cuore durante uno sforzo fisico, a differenza dell’elettrocardiogramma basale, che viene registrato in condizioni di riposoConsiste nel tracciare l’attività elettrica del cuore durante uno sforzo fisico, a differenza dell’elettrocardiogramma basale, che viene registrato in condizioni di riposo
L’elettrocardiogramma (ECG) è la riproduzione grafica dell’attività elettrica del cuore durante il suo funzionamento, registrata dalla superficie del corpo.
La Visita Cardiologica con ECG ha lo scopo di valutare le capacità funzionali cardiocircolatorie dei pazienti.

Chirurgia Generale

La visita di chirurgia generale viene eseguita da un medico chirurgico con l’obiettivo di diagnosticare o escludere l’esistenza di patologie per la cui cura sia necessario un intervento chirurgico.

Dermatologia

La crioterapia è un particolare tipo di terapia che fa uso del ghiaccio; il trasferimento tra quest’ultimo e il corpo avviene per mezzo di un meccanismo di conduzione e porta a un abbassamento generale della temperatura corporea.
La dermatoscopia, nevoscopia,dermoscopia o epiluminescenza, è una tecnica non invasiva rivolta alla diagnosi precoce del melanoma basata su uno strumento ottico chiamato dermatoscopio che permette di osservare patterns sub-cutanei non visibili ad occhio nudo favorendone il riconoscimento. Il dermatoscopio ottico è un piccolo strumento manuale basato su una lente, in grado di fornire ingrandimenti prevalentemente compresi tra le 10 e le 20 volte, appositamente illuminata con luce incidente. È oggi dimostrato come la dermatoscopia incrementi la sensibilità diagnostica per il melanoma rispetto alla semplice visione ad occhio nudo del 20-30% permettendo diagnosi sempre più precoci. Le esperienze di quest’ultimo decennio hanno consentito di estendere l’applicazione di questa tecnica diagnostica anche alle lesioni della cute non pigmentate. La dermatoscopia risulta oggi particolarmente efficace nel riconoscimanto dei tumori cutanei non melanocitari quali il carcinoma basocellulare e la malattia di Bowen e di altre neoformazioni cutanee quali le cheratosi seborroiche, le cheratosi attiniche, il dermatofibroma, l’acantoma a cellule chiare. Una ulteriore indicazione di tale metodica è la ricerca dell’acaro della scabbia.
Nella gestione di alcune malattie della pelle è molto importante l’inquadramento delle manifestazioni cutanee (es. macchie, pomfi, prurito, etc), in una visione globale del paziente, dove ogni singolo dettaglio può assumere maggior rilevanza, se inquadrato nell’ambito di una visione di insieme del paziente, secondo un approccio olistico che pone al centro dell’attenzione l’intero individuo ammalato e non soltanto il singolo sintomo, presente in uno o più distretti corporei. In presenza di una macchia o di un prurito persistente, il paziente andrà visitato per intero, mediante un checkup personalizzato che in alcuni casi può andare oltre l’organo cute, in una valutazione che terrà conto di ogni piccolo dettaglio, inerente sia la sfera organica che il vissuto emozionale.

Endocrinologia

La visita diabetologica è rivolta a pazienti con diagnosi recente o nota da tempo di pre-diabete (iperglicemia) o diabete. Consente allo specialista diabetologo di valutare lo stato di salute generale del paziente e l’andamento dei parametri metabolici per impostare o monitorare la terapia

Gastroenterologia

La colonscopia (o coloscopia) è un esame diagnostico volto ad esplorare le pareti interne del colon, per scoprire eventuali lesioni, ulcerazioni, occlusioni, masse tumorali.

 

Preparazione all’esame

 

La preparazione di pulizia intestinale è necessaria per la corretta esecuzione dell’esame. Procurasi presso la farmacia Selg-s 1000; preparare la solzione come prescritto nel foglietto illustrativo del purgante. E’ necessaria l’assunzione di 4 litri di soluzione da consumarsi entro le 24 ore dall’inizio dell’esame, bevendo un bicchiere pieno ogni quarto d’ora. Non mangiare frutta e verdura per 2-3 gg precedenti l’esame. Farsi accompagnare da familiare munito di patente (il paziente potrebbe non poter guidare per l’uso eventuale di anestetico). Portare eventuali esami svolti e precedenti inerenti all’esameIl giorno precedente l’esame: A PRANZO: Minestrina senza verdura o semolino, spremute di frutta, gelato o yogurt. A CENA: Brodo, gelato o yogurt, thè zuccherato e acqua a volontà.Il giorno dell’esame: Colazione con thè o camomilla ben zuccherati, si raccomanda di non mangiare nient’altro fino all’esecuzione dell’esame (pranzo compreso).Sospendere farmaci anticoagulanti (cardioaspirina,coumadin..) 4-5 giorni precedenti l’esame previa accordo con il proprio medico curante cardiologo. Portare con sè esami ematochimici precedentemente svolti non antecedenti a 6 mesiPer soggetti cardiopatici: Sospendere la cardioaspirana 3-4 giorni.

La gastroscopia viene eseguito sia per finalità sia diagnostiche che operative, e viene eseguita introducendo delicatamente attarverso la bocca o il naso – in questo caso si parla di esame transnasale – un sottile strumento flessibile chiamato endoscopio dotato di una una piccola telecamera ed una luce a fibre ottiche. Lo strumento è anche dotato di uno o piu’ canali operativi attraverso i quali è possibile introdurre o aspirare gas o liquidi e strumenti vari quali ad esempio pinze da biopsie, aghi o strumenti per il recupero di polipi.

 

Preparazione all’esame

 

Non mangiate nelle 5 ore che precedono l’esame(vedi Gastroscopia Preparazione), in quanto la presenza di cibo nello stomaco rischia di limitare il campo visivo dell’endoscopio e rendere l’esame meno preciso e, in alcuni casi, provocare il vomito.

La proctoscopia (o rettoscopia) è una comune procedura medica in cui uno strumento chiamato proctoscopio (talvolta definito anche rettoscopio, sebbene quest’ultimo sia un poco più lungo) è usato per esaminare la cavità anale, l’ampolla rettale, od il sigma-colon.
La visita gastroenterologica è una valutazione clinica che consente di meglio comprendere l’entità di problematiche di tipo gastroenterologico, che riguardano cioè l’apparato digerente nel suo complesso.

Ginecologia e Ostetricia

L’Ecografia ostetrica è l’applicazione dell’ecografia medica nell’ambito della diagnosi prenatale volta principalmente allo studio dell’embrione o del feto[1] all’interno della cavità uterina materna.
ecografia transvaginale, chiamata anche TVS(Trans-Vaginal Sonography), è un esame che, attraverso le immagini, studia la morfologia e lo stato di salute degli organi genitali interni femminili, ovvero utero, ovaie ed annessi. Cerchiamo di scoprire qualcosa in più su questa tecnica diagnostica, non conosciuta da tutte le donne, ma estremamente utile.
L’estrazione del DNA o RNA rappresenta una fase cruciale e obbligata per gran parte delle analisi molecolari in ambito diagnostico, forense o di ricerca.
Accanto ai tradizionali strumenti ecografici utili per monitorare l’andamento della gravidanza e lo sviluppo fetale ci sono alcuni esami che vengono prescritti solo in determinate circostanze e hanno scopi specifici. E’ il caso del doppler fetale che consente di effettuare una flussimetria (o velocimetria).
Il test di Papanicolaou o Pap test è un esame citologico che indaga le alterazioni delle cellule della cervice dell’utero.
L’HPV Test è un’indagine molecolare mirata ad identificare le infezioni da Human Papilloma Virus, sostituendosi o integrando, a seconda dei casi, i classici esami citologici
Il test HPV consiste nel prelievo di una piccola quantità di cellule dal collo dell’utero che vengono successivamente analizzate per verificare la presenza di DNA del Papillomavirus. Le infezioni causate da questo comunissimo virus possono infatti essere responsabili del tumore del collo dell’utero.
L’esame prevede il prelievo di cellule endocervicali
La Chlamydia Trachomatis é il principale agente eziologico di patologie a prevalente trasmissione sessuale quali: uretrite non gonococcica (NGU) e post-gonococcica (blenorragia da inclusioni), epididimite, vaginite, sindrome uretrale acuta e, nella donna, malattia pelvica infiammatoria che spesso sfocia nella sterilità di coppia.
Gardnerella è un genere di batteri gram-variabile piccolo in dimensioni, dalla morfologia circolare, del quale Gardnerella vaginalis costituisce l’unica specie nota; è un potenziale patogeno che può causare gravi danni alla mucosa vaginale nel caso in cui venga stravolto il normale ambiente di acidità sostenuto dai lattobacilli, fisiologicamente presenti come flora normale.
I micoplasmi sono una particolare e unica specie di batteri, il più piccolo organismo libero vivente conosciuto sulla Terra. Una delle principali differenze tra i micoplasmi e gli altri batteri consiste nel fatto che, mentre questi ultimi hanno una solida struttura della parete cellulare e possono crescere nel più semplice mezzo di coltura, i micoplasmi invece non hanno una parete cellulare e, come una minuscola medusa con una membrana flessibile, possono assumere diverse forme che li rendono difficili da identificare. I micoplasmi possono anche essere difficili da coltivare in laboratorio e spesso, per questa ragione, possono non essere riconosciuti come causa patogena di malattie.
Trichomonas Vaginalis è l’agente eziologico responsabile di infezioni vaginali molto diffuse. È il patogeno più comune trasmesso per via sessuale, anche più della Chlamydia Trachomatis e nel 2008 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato circa 276,4 milioni di nuovi casi tra gli adulti di età compresa tra i 15 e i 49 anni.
Ureaplasma urealyticum è un batterio particolare, appartenente alla famiglia dei micoplasmi; particolare perché le sue dimensioni sono estremamente ridotte ed è privo di parete cellulare; di conseguenza, la terapia e la stessa diagnosi sono state – specie in passato – particolarmente difficoltose.
Il tampone vaginale è un esame effettuato dal ginecologo per diagnosticare vari tipi di infezioni e per verificare la presenza di organismi esterni
Il test di Papanicolaou, è un esame citologico che indaga le alterazioni delle cellule del collo e della cervice dell’utero.
La translucenza nucale (NT) è una fessura translucida in ecografia a livello della cute nucale del feto. La fessura di liquido è una raccolta di linfa che si osserva in tutti i feti nel primo trimestre di gravidanza.
La visita ginecologica consiste nella valutazione dell’apparato genitale femminile (genitali esterni ed interni). Durante la visita ginecologica la paziente si siede sul lettino ginecologico a gambe divaricate. Il medico esegue l’esplorazione visiva della vulva e introduce in vagina un piccolo divaricatore in plastica monouso, che permette di visualizzare il collo dell’utero ed eseguire il Pap test.Rimosso il divaricatore, si procede all’esplorazione vaginale: il medico, attraverso un dito in vagina, valuta le caratteristiche dell’utero e delle ovaie.La visita ginecologica può essere completata da un’ecografia transvaginale di supporto (ecografia Office o ambulatoriale), per valutare la presenza o il sospetto di patologie come fibromi, polipi endometriali o cisti ovariche.La visita e l’ecografia non sono dolorose. Se il medico avverte tensione muscolare inviterà la paziente a rilassarsi e questo migliorerà la qualità della visita.

Neurochirurgia

La visita neurochirurgica è utile a valutare la presenza e l’entità di patologie del sistema nervoso centrale e periferico o disturbi a carico della colonna vertebrale, allo scopo di individuare la cura più efficace e l’eventuale ricorso a un intervento chirurgico. La visita, oltre a un’accurata diagnosi, nella previsione di un intervento permette la pianificazione dei tempi e delle modalità dell’intervento.

Neurologia

L’elettromiografia (detta anche EMG) è un esame diagnostico utile per la diagnosi delle malattie dei nervi (es. neuropatie) e dei muscoli (es. miopatie). Con il termine elettromiografia si intendono in generale sia le velocità di conduzione o elettroneurografia(detta anche ENG), che l’elettromiografia vera e propria (elettromiografia ad ago).
L’elettromiografia (EMG), l’elettroneurografia (ENG) e l’elettromiografia di singola fibra (SFEMG) sono metodiche neurofisiologiche che vengono utilizzate per studiare il sistema nervoso periferico (SNP) dal punto di vista funzionale.

Nutrizione

La visita nutrizionistica consente allo specialista di valutare lo stile di vita e le abitudini alimentari della persona, lo stato di salute nel suo complesso ed eventuali patologie, gli obiettivi da raggiungere insieme attraverso un percorso di educazione alimentare.

Oculistica

L’esame del campo visivo consiste nella misurazione della visione dello spazio che circonda l’occhio.
L’esame del fondo oculare (o fundus oculi), consiste nell’esame delle strutture oculari collocate posteriormente all’iride ed al cristallino: corpo vitreo, retina centrale (polo posteriore, contenente la macula, sede della visione più definita), retina periferica, porzione intraoculare del nervo ottico (papilla ottica).
La topografia corneale, in gergo chiamata mappa, è un metodo di lettura della curvatura della cornea, assistito a computer. Le mappe si ottengono con un apposito strumento definito topografo corneale. Ne esistono vari modelli di varie forme, alcuni anche portatili.
La Tomografia ottica computerizzata (OCT), o Tomografia ottica a radiazione coerente, è un esame diagnostico non invasivo che permette di ottenere delle scansioni della cornea e della retina per la diagnosi ed il follow-up di numerose patologie corneali e retiniche e nella diagnosi preoperatoria e nel follow-up postoperatorio della gran parte delle patologie oculari che necessitano di un intervento chirurgico.
La pachimetria corneale è la misura dello spessore corneale, cioè della struttura trasparente più anteriore dell’occhio. La misura viene eseguita in micra (abbreviato con il simbolo µ) cioè in milionesimi di metro, o millesimi di millimetro.
Una visita oculistica è costituita da una serie di test effettuati dall’oculista (medico specialista nella cura delle malattie degli occhi) per valutare le condizioni di salute degli occhi e misurare l’acutezza visiva di una persona, ossia la capacità di mettere a fuoco e distinguere gli oggetti.

 

Preparazione all’esame

 

Per fare questo esame deve prepararsi a partire da 3 giorni primaPer 2 VOLTE AL GIORNO (mattina e sera) vanno messe 1 o 2 goccein ogni occhio.La mattina della visita devono essere messe le ultime gocce

Oncologia

La visita oncologica è un passaggio fondamentale per la prevenzione, la diagnosi, la cura e il monitoraggio delle patologie tumorali. È rivolta su richiesta del medico curante ai pazienti in caso di diagnosi già accertata di tumore, quando c’è un sospetto legato ai risultati di esami medici, per predisporre nuovi accertamenti e impostare una terapia specifica.

Ortopedia

Le infiltrazioni articolari consiste nell’iniezione all’interno dell’articolazione di diversi possibili farmaci (anestetici locali, cortisonici, acido ialuronico) o più’ recentemente anche delle cosiddette soluzioni biologiche, cioè la infiltrazione dei fattori di crescita piastrinici (PRP) oppure delle cellule progenitrici/staminali.
La visita ortopedica permette al medico specialista di diagnosticare alterazioni o malattie dell’apparato muscolo-scheletrico (ossa, articolazioni e muscoli).

Otorinolaringoiatra

L’esame audiometrico (audiometria tonale in cuffie) è una procedura medica atta a rilevare il grado e la capacità uditiva del paziente. Viene completato dal referto tecnico, la cui stesura è ad opera dell’audiometrista, e da quello di diagnosi, ad opera del medico.
L’ esame vestibolare è un esame sia strumentale che clinico effettuato per la diagnosi delle vertigini. Infatti, esso permette di studiare la funzionalità dell’apparato vestibolare (posizionato nell’orecchio interno e formato dai tre canali semicircolari – il superiore, il posteriore ed il laterale – nonché dall’utricolo e dal sacculo). Questi elementi regolano nell’essere umano l’equilibrio: le alterazioni di uno di essi causano la vertigine.
La fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all’osservazione della laringe e delle cavità interne del naso.
É una tecnica non invasiva che rileva in pochi secondi la resistenza, opposta dall’organismo, al passaggio di una corrente elettrica. La corrente è trasmessa da elettrodi in gel posti sulla mano e sul piede. Il paziente è sdraiato in posizione supina, è a digiuno e rilassato. Alla veicolazione della corrente alternata, il corpo oppone una resistenza che si esprime in ohms e che viene definita impedenza.
La visita otorinolaringoiatrica è l’esame medico che ha l’obiettivo di individuare eventuali patologie a carico di orecchie, naso e gola e alle altre strutture appartenenti al distretto testa-collo.

Pneumologia

La spirometria (letteralmente misurazione del respiro) è il più comune e diffuso esame della funzione respiratoria. Il test si esegue con l’ausilio di uno strumento chiamato spirometro.
La visita pneumologica è una visita medica svolta dal medico specialista in penumologia, ovvero specializzato nello studio e nella cura delle malattie dell’apparato respiratorio, per escludere, diagnosticare o monitorare un disturbo a carico dei bronchi e dei polmoni.

Senologia

L’ecografia mammaria è un’indagine semplice e sicura che si basa sull’emissione di ultrasuoni a bassa frequenza e alta intensità che non si ritiene possano provocare danni all’organismo, nemmeno nei soggetti particolarmente sensibili come le donne in gravidanza.
La visita senologica è un esame completo del seno, del tutto indolore ed eseguito senza l’impiego di strumentazioni, che viene eseguito da un medico senologo. Oltre alle pazienti con malattia senologica già diagnosticata, si può essere inviate dal proprio medico curante al senologo in caso di presenza di noduli, secrezioni dal capezzolo, stati infiammatori e/o dolorosi che interessano una o entrambe le mammelle.

Valutazione rischio cancro ovarico mammario

La visita di valutazione rischio di tipo ovarico mammario è un passaggio fondamentale per la prevenzione, la diagnosi, la cura e il monitoraggio delle patologie tumorali.